Ottobre 26, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

MSF chiede all’Italia di liberare la nave di soccorso dirottata | Notizie sulla migrazione

L’ente di beneficenza medico ha affermato che la detenzione della nave, che ha salvato centinaia di migranti e rifugiati a giugno, è stata motivata politicamente.

Il Medical Trust Borders Without Medici (MSF) ha esortato le autorità italiane a rilasciare una delle sue navi di soccorso.

L’ente di beneficenza ha dichiarato domenica in una dichiarazione che la nave da ricerca di MSF Geo Parents è stata posta in custodia amministrativa a seguito dell’identificazione, il 2 luglio, di 22 “carenze” nel porto siciliano di Augusta.

La Guardia costiera italiana ha affermato che le 10 emissioni segnalate garantivano il possesso della nave perché mettevano a rischio la sicurezza dell’equipaggio e di eventuali passeggeri.

La nave aveva solo 83 mezzi salvavita.

In precedenza, la nave ha salvato più di 400 persone a giugno, tra cui dozzine di bambini indifesi.

Molti provengono dalla Siria, dall’Etiopia, dall’Eritrea, dal Sudan e dal Mali.

MSF si è detta pronta a soddisfare le richieste delle autorità e ad apportare tutte le modifiche necessarie, ma ha avvertito che i test sulla sua nave “segneranno un’opportunità per le autorità di perseguire motivi politici sotto forma di procedure amministrative”.

L’ente di beneficenza ha descritto le richieste di sicurezza della Guardia Costiera come “un’interpretazione unica del diritto marittimo”.

MSF ha osservato che le autorità italiane hanno detenuto navi volontarie in 13 occasioni dal 2019.

Quattro persone sono attualmente detenute, ha detto MSF, aggiungendo che “non ci sono quasi misure salvavita nel Mar Mediterraneo”.

UN Anche gli aghi di segnalazione danno la colpa all’UE

Ogni anno migliaia di immigrati e profughi sbarcano al valico, spesso lasciando la Libia in piccoli gommoni nella speranza di raggiungere l’Europa.

READ  Euro 2020: Anteprima statistiche Belgio vs Italia: Battle Royale sulle carte

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, quest’anno sono stati segnalati 866 decessi nel Mediterraneo. La maggior parte di loro, 723, è morta nel Mediterraneo mentre la nave di MSF era in funzione.

Un rapporto delle Nazioni Unite a maggio ha affermato che le morti erano in parte dovute al ruolo svolto dall’UE e dai suoi 27 Stati membri nel contrastare gli sforzi di recupero umanitario.

Poiché l’UE ha ridotto le proprie operazioni ufficiali di ricerca e soccorso, per anni i governi hanno impedito alle agenzie umanitarie di sequestrare le loro navi e di pattugliare il Mediterraneo, prendendo di mira individui che hanno svolto attività amministrative e criminali. .

La Guardia costiera italiana ha dichiarato sabato di aver ispezionato dall’inizio del 2021 681 navi battenti bandiera straniera di vario tipo che hanno fatto scalo nei porti italiani e 55 sono state poste in custodia amministrativa.

La nave di soccorso Open Arms, gestita da un ente di beneficenza spagnolo, è stata rilasciata alla fine del mese scorso, più di due mesi dopo essere avvenuta in Sicilia.

“Le ispezioni delle organizzazioni di volontariato nei porti italiani sono lunghe e approfondite, volte a rilevare irregolarità per impedire alla nave di tornare in mare per salvare vite”, ha affermato Tucio Staterini, rappresentante di MSF per la ricerca e il salvataggio.

“Siamo di fronte a una realtà in frantumi: si stanno perdendo vite inutilmente nel Mediterraneo, con organizzazioni di beneficenza umanitarie detenute”.