Ottobre 26, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Parshim del Qatar, l’oro olimpico di Tampere nel salto in alto | Notizie olimpiche

Il Qatar Mudas Parshim e l’italiano Gianmarco Tamberi hanno condiviso una distanza uguale di 2,37 metri a Tokyo.

Il Qatar Mudas Parshim e l’italiano Gianmarco Tampere condividono il sogno di un grave infortunio per condividere un raro oro olimpico nel salto in alto.

Parshim – ha assegnato il primo titolo olimpico di atletica leggera del Qatar – e Tamberi domenica hanno stabilito un nuovo record di 2,37 metri.

Anche il bielorusso Maxim Nedaseka ha stabilito un record nazionale per quell’altezza. Tuttavia, ha perso la sua parte dell’oro a causa di una precedente sconfitta.

Parsim, 30 e Tampery, 29 anni, hanno entrambi provato senza successo fino a quando non hanno cercato di superare il bersaglio di 2,39 metri.

Dopo tre sconfitte ciascuna in 2,39, hanno finito di costruire e hanno iniziato una conversazione con un funzionario olimpico, che prima ha dato loro un “salto” per decidere la questione.

Parsim gli chiese: “Possiamo avere due ori?”

L’ufficiale annuì, ei due atleti si tenevano per mano e inzuppati di gioia.

Secondo Parsim, l’intera casa delle medaglie olimpiche ha vinto il bronzo a Londra nel 2012 e il bronzo a Rio cinque anni fa.

Parsim ha perso la maggior parte del 2018 a causa di un grave infortunio alla caviglia ed è tornato a vincere il World Outdoor Gold in casa nel 2019.

“Questo è un sogno a cui non voglio svegliarmi”, ha detto.

“Ne ho passate tante. Ho aspettato cinque anni con infortuni e tante battute d’arresto.

“Ma siamo qui oggi per condividere questo momento e tutti i sacrifici. Ne vale la pena ora in questo momento”.

La medaglia d’oro del Qatar Mudass Essa Parshim presenta al Qatar il suo primo oro olimpico sull’atletica leggera [Cameron Spencer/Pool/AFP]

Tampery ha aggiunto l’oro olimpico al titolo mondiale degli interni ed europeo nel 2016 e ha celebrato con entusiasmo nonostante l’assenza di spettatori a questo sport contagioso.

READ  La variante delta Covit-19 è prevalente in Italia, ha affermato l'agenzia sanitaria

Il maglione dai capelli lunghi cadde a terra e si rotolò in estasi.

Quando il suo compagno di squadra Lamont Marcel Jacobs ha scioccato il mondo dello sprint vincendo il titolo olimpico dei 100 metri, ha riacquistato la calma per un po’ prima di cadere ulteriormente nell’isteria.

Le sue celebrazioni emotive sono comprensibili poiché ha subito un grave infortunio al tendine d’Achille a poche settimane dai Giochi del 2016.

“Dopo le mie ferite, volevo tornare, ma ora che ho questo oro, è incredibile”, ha detto.

“L’ho sognato molte volte. Prima di Rio, ho detto nel 2016, correvo il rischio di non poter più competere. È stato un lungo viaggio”, ha aggiunto.