Giugno 28, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo l'invasione russa, la Germania ha abbandonato un approccio silenzioso per aiutare l'Ucraina, inviando armi e considerando sanzioni più grandi

Dopo l’invasione russa, la Germania ha abbandonato un approccio silenzioso per aiutare l’Ucraina, inviando armi e considerando sanzioni più grandi

Le profonde relazioni economiche tra Germania e Russia risalgono a decenni fa e molti critici affermano che ha portato a una politica estera ortodossa che ha a lungo trattenuto l’Europa da aspre critiche al Cremlino.

Ma la mossa di sabato ha aperto depositi di armi europei pieni di armi all’Ucraina, con Berlino che mantiene il suo veto su come le armi prodotte in Germania dovrebbero essere usate anche dopo che sono state vendute altrove. Più in generale, la decisione di Schulz di entrare più apertamente nel confronto con il paese che ha contribuito a sconfiggere i nazisti, la Russia, è stata una svolta importante per il paese più ricco e popoloso dell’Unione europea. L’attenzione di Berlino sul commercio piuttosto che sulla sicurezza ha portato a spendere molto meno per la difesa di quanto richiesto dalle linee guida della NATO.

ha affermato Marcel Dersus, professore tedesco di scienze politiche e ricercatore presso l’Institute for Security Policy dell’Università di Kiel, che è spesso critico nei confronti della posizione esitante della Germania in passato. “C’è stato un risveglio, non solo da parte della classe politica, ma anche da parte degli elettori ordinari”.

Schulz ha detto che avrebbe inviato 1.000 armi anticarro e 500 missili Stinger in Ucraina. I politici tedeschi hanno anche deciso di isolare diverse banche russe dal principale meccanismo di transazione finanziariaE il Una mossa a cui Berlino resiste da giorni. Si stavano anche preparando a chiudere il loro spazio aereo agli aerei russi.

“È nostro dovere sostenere l’Ucraina nel miglior modo possibile per difenderci dall’esercito invasore di Putin”, ha affermato Schultz in una nota.

Il cambiamento nella politica ha aperto la strada ad altri paesi per inviare armi di fabbricazione tedesca in Ucraina sabato, scatenando un’ondata di armi. Tre funzionari europei hanno affermato che Berlino ha dato il via libera a una spedizione di 400 lanciagranate a propulsione a razzo di proprietà olandese e diversi obici di proprietà estone in Ucraina. La Germania, come molti altri paesi, mantiene un interesse nell’uso delle sue armi anche dopo che sono state vendute o trasferite all’estero. I funzionari hanno parlato in condizione di anonimato per discutere gli accordi di trasferimento di armi non pubblici che stanno ancora ricevendo le approvazioni finali.

READ  Ministero degli Esteri: la diplomazia Mosca-Ucraina era una "scusa"

È arrivato pochi giorni dopo che Scholz aveva sospeso il progetto del gasdotto Nord Stream 2, un’altra decisione che sembrava inimmaginabile settimane fa.

“Putin potrebbe essere sulla buona strada per perdere la Germania, cosa che devi davvero provare”, ha detto Dersus. “Tutto in questo sistema politico è a tuo favore se sei presidente della Russia, quindi devi riuscire a mettere contro di te la Germania che sarà pronta a offrire [rocket-propelled grenades] L’Ucraina ha, francamente, quasi un traguardo”.

La Germania ha raramente inviato armi nei conflitti, un tabù politico di vecchia data legato alla sua colpa per la seconda guerra mondiale. (I critici notano che l’industria della difesa tedesca ha comunque venduto grandi armi a leader autoritari in tutto il mondo.) Il paese era particolarmente diffidente nell’inviare armi che potessero essere usate contro la Russia, un paese a cui molti tedeschi sentono di dover il proprio ruolo nel porre fine alla guerra . Seconda guerra mondiale.

L’invio di armi in Ucraina “è una misura concreta e palesemente contraria a ciò per cui stavano pagando in precedenza, e non posso fare a meno di credere che ciò creerebbe un nuovo precedente che cambierebbe la politica estera tedesca”, ha affermato Derssus.

In passato, la Germania ha occasionalmente inviato armi agli alleati per un uso attivo: nel 2014, l’esercito tedesco ha inviato giochi di ruolo alle forze curde che combattono lo Stato Islamico in Iraq per aiutare a fermare il massacro della minoranza etnica yazida. Gruppo.

Ma molti tedeschi – politici e cittadini comuni – hanno affermato nelle ultime settimane che l’invio di armi in Ucraina alimenterebbe il conflitto intensificando il confronto con la Russia. Hanno detto che preferivano una soluzione diplomatica. I difensori delle spedizioni di armi hanno affermato che ciò aumenterebbe la probabilità di un esito pacifico chiarendo al Cremlino che avrebbe affrontato una rissa se avesse tentato un’invasione.

READ  Le azioni scendono, i prezzi del petrolio salgono mentre la Russia attacca l'Ucraina

L’invasione russa su vasta scala dell’Ucraina pose fine a quel dibattito.

ha affermato Sergei Lagodinsky, un legislatore tedesco verde al Parlamento europeo che è stato il primo grande politico eletto in Germania a chiedere spedizioni di armi a Kiev.

“L’aggressione russa ha dimostrato a molti che abbiamo molte responsabilità per i nostri valori e la pace in Europa, e che aiutare una vittima di un’aggressione è importante tanto quanto la pace quanto stare attenti a non contribuire alla guerra”, ha affermato.

Ma ha detto di ritenere che il test principale per la sostenibilità della trasformazione della Germania sarebbe se avrebbe aumentato la sua spesa militare. L’anno scorso, ha speso circa l’1,53% della sua produzione economica annuale per la difesa, ben al di sotto dell’obiettivo del 2% della NATO.

L’ex cancelliera tedesca Angela Merkel, che si è dimessa a dicembre, ha condannato le azioni di Putin venerdì.

Ha detto che l’invasione ha causato “una profonda rottura nella storia dell’Europa dopo la fine della Guerra Fredda”.

Sebbene rimanga popolare in Germania, l’approccio del paese alla Russia è profondamente intrecciato con la sua eredità, avendo servito come leader del paese dal 2005, quasi da quando la Russia è stata sotto Putin. È entrato in carica l’ultimo giorno del 1999.

Un piano da parte di Stati Uniti, Unione Europea, Gran Bretagna e Canada sabato per rimuovere diverse banche russe dal sistema di pagamento internazionale SWIFT e adottare misure per limitare la Banca centrale russa è diventato possibile grazie alla nuova posizione dura di Berlino. La Germania si era precedentemente opposta al passaggio al sistema Swift, in parte perché temeva che le spedizioni di gas russo sarebbero state interrotte se le compagnie energetiche russe non avessero più potuto pagare.

READ  Perché gli Stati Uniti hanno rifiutato il piano della Polonia di inviare aerei da combattimento in Ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha elogiato il cambio di posizione della Germania.

“I nostri diplomatici hanno combattuto per giorni e in modo stimolante a lungo, fino a quando tutti i paesi europei hanno accettato questa decisione molto forte e giusta, isolando la Russia dalla rete interbancaria internazionale”, ha detto Zelensky sabato sera.

SWIFT – abbreviazione di Society for Global Interbank Financial Telecommunication – è una rete di messaggistica che collega le banche di tutto il mondo. Il consorzio con sede in Belgio collega più di 11.000 istituzioni finanziarie che operano in più di 200 paesi e territori e funge da hub vitale per i pagamenti internazionali.

Nowak riportato da Parigi. Kim Belware ha contribuito a questo rapporto.