Giugno 28, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Cina adegua e riadatta il suo abbraccio alla Russia nella crisi ucraina

La Cina adegua e riadatta il suo abbraccio alla Russia nella crisi ucraina

Pechino non è riuscita ad adeguare la sua posizione La situazione in Ucraina Da quando il signor Xi ha firmato una straordinaria dichiarazione di solidarietà con Putin all’inizio di questo mese, la decisione è stata influenzata dall’establishment della politica estera cinese, che è rimasto fedele alla convinzione che Putin non fosse in guerra.

I media statali cinesi hanno riferito che la Cina sostiene la Russia e l’Ucraina per risolvere i problemi attraverso i negoziati. Il signor Putin ha detto al leader cinese che lo era Pronto a parlare con l’Ucraina Sulla base di “segnali appena ricevuti da Kiev”, secondo una lettura della chiamata del Cremlino.

Venerdì scorso, la Cina si è astenuta dal votare su una bozza di risoluzione al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite elaborata dagli Stati Uniti volta a porre fine alla guerra in Ucraina.

Per settimane, l’establishment della politica estera cinese ha respinto il flusso costante di avvertimenti degli Stati Uniti e dei suoi alleati europei su un’imminente invasione russa, accusando invece Washington di esagerare. Minacce russe.

Ora, la Cina sta cercando di riequilibrarsi dopo aver fatto un calcolo che potrebbe seriamente minare una posizione che ha cercato di costruire per se stessa come leader globale e sostenitrice dei paesi in via di sviluppo.

Alla fine di questa settimana, con i segnali di un’imminente invasione incombente, quando il mondo ben collegato della politica estera cinese ha tenuto un discorso a un gruppo di investitori e analisti cinesi ansiosi, il discorso è stato intitolato “Una guerra che non accadrà”.

“Vediamo poche possibilità che la Russia dichiari guerra unilateralmente all’Ucraina”, ha detto Shen Yi, professore di relazioni internazionali all’Università Fudan di Shanghai che fornisce consulenza al governo, in una teleconferenza tenuta da una società di intermediazione mobiliare martedì, secondo le persone che hanno fatto il chiamata. .

READ  Russia e Cina attenuano il testo del G20 sulle tensioni geopolitiche

Meno di 48 ore dopo, Putin ha sparato Attacco su larga scala all’Ucraina.

Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente cinese Xi Jinping si sono incontrati a Pechino all’inizio di questo mese.


Foto:

Mikhail Clementev / Il Cremlino / Zuma Press

Le persone che hanno familiarità con il funzionamento interno di Pechino affermano che, ignorando costantemente i rischi di invasione, sono andate ai conti del signor Xi per firmare il Partnership più profonda con la Russia Il 4 febbraio, giorno di apertura delle Olimpiadi invernali di Pechino.

Nei giorni precedenti la visita di Putin a Pechino, i consigli politici alla massima leadership cinese si sono concentrati su come la partnership potrebbe dare alla Cina una leva sugli Stati Uniti, ma ha minimizzato o addirittura respinto la prospettiva di un’invasione russa dell’Ucraina, secondo persone. Vicino all’istituto di politica estera di Pechino.

“Chiunque faccia raccomandazioni politiche in Cina vuole soddisfare ciò che il leader supremo vuole sentire”, ha affermato Yun Sun, direttore del programma cinese presso lo Stimson Center, un think tank con sede a Washington. “Stanno alimentando informazioni in quella direzione.”

Ciò ha portato Pechino a respingere gli avvertimenti degli Stati Uniti alla comunità internazionale, sulla base dell’intelligence che Putin non stava tradendo le sue intenzioni di invadere.

Il signor Shen di Fudan, che ha consigliato i massimi leader cinesi su questioni come la sicurezza informatica, non ha risposto alle domande. Il ministero degli Esteri cinese non ha risposto alle domande.

Pechino non ha descritto pubblicamente l’attacco su larga scala della Russia all’Ucraina come un’invasione. Ambasciata russa a Pechino.


Foto:

Andy Wong/Associated Press

Come risultato dell’incapacità di Pechino di anticipare le azioni di Putin: l’ambasciata cinese a Kiev ha annunciato l’intenzione di evacuare i cittadini cinesi dal paese dell’Europa orientale solo dopo che le forze russe sono arrivate giovedì.

Negli ultimi anni, la Cina ha perseguito un’agenda multilaterale per attirare altri paesi nella sua orbita economica, incluso il finanziamento di progetti sia in Russia che in Ucraina come parte del signor Xi. Belt and Road Initiative. Ha intensificato i suoi sforzi per lavorare attraverso organizzazioni internazionali, tra cui l’Organizzazione mondiale del commercio e le Nazioni Unite, e ha anche fornito vaccini contro il Covid-19 ai paesi dell’Africa e del sud-est asiatico nel tentativo di posizionarsi come una potenza globale benevola.

proteso verso La Russia durante la crisi ucrainaInvece, si è presentata come un abilitatore di un paese ormai universalmente condannato.

Dopo l’invasione, la Cina è rimasta bloccata su un percorso diplomatico sempre più difficile. Deve onorare la sua partnership con la Russia – una partnership che entrambe le parti poche settimane fa hanno definito “illimitata” – pur non abbandonando il suo impegno per i principi di non interferenza della politica estera, che le richiederebbero di condannare inequivocabilmente l’offensiva russa. E ciò che ne aumenta l’equilibrio è il desiderio di prevenirlo Relazioni con gli Stati Uniti e l’Europa dal deragliare completamente.

“Si trovano in una posizione difficile perché stanno cercando sia la retorica che la concretezza di bilanciare questi obiettivi inconciliabili, molto semplicemente”, ha affermato Evan Feigenbaum, vicepresidente per gli studi presso il Carnegie Endowment for International Peace con sede a Washington.

Pechino non ha descritto pubblicamente l’attacco su larga scala della Russia all’Ucraina come un’invasione.

Esplosioni e spari hanno scosso la città di Kiev, mentre le forze russe hanno intensificato i loro attacchi alla capitale ucraina. Le aree residenziali sono state colpite e le persone hanno cercato rifugio, mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto aiuto ai leader occidentali. Foto: Emilio Morenati/Associated Press

La decisione strategica del signor Xi di virare più vicino a Mosca era attesa da tempo. Dopo essere salito al potere alla fine del 2012, il leader supremo cinese ha tentato di costruire relazioni con Washington, dicendo ai burocrati: “Abbiamo mille ragioni per correggere le relazioni sino-americane e non c’è una sola ragione per rovinarle”.

Una brutale guerra commerciale con l’amministrazione Trump, che ha cercato di ritenere Pechino responsabile delle sue pratiche commerciali sleali, ha minato le basi della relazione. quindi intensificare Tensioni con l’amministrazione BidenIn aree dai diritti umani alle rivendicazioni di sovranità di Pechino, il signor Xi ha intensificato la tensione a Washington.

Il principio guida di una politica estera incentrata sugli Stati Uniti stabilito dal presidente Xi dieci anni fa è stato ora sostituito da uno incentrato sul confronto con gli Stati Uniti, guidato da un’agenda che condivide con Putin.

Ciò da cui è uscito Putin è almeno l’emergere di un forte sostenitore in Cina.

Per la Cina, finora, tutti i vantaggi sono più oscuri. Il leader russo, soprannominato “Putin il Grande” da molti in Cina, ha aiutato la Cina a salvare la faccia all’apertura delle Olimpiadi di Pechino. Con le maggiori potenze occidentali che boicottano i Giochi, Putin è stato l’unico ospite importante di Xi.

In cambio, Putin ha cercato il sostegno della Cina per l’opposizione della Russia a qualsiasi espansione della NATO, una richiesta chiave nella situazione di stallo tra Mosca e la coalizione guidata dagli Stati Uniti sull’Ucraina.

Nel suo incontro con il signor Xi prima della cerimonia di apertura delle Olimpiadi, persone vicine all’establishment della politica estera di Pechino affermano che il leader russo ha condiviso le sue lamentele contro gli Stati Uniti: le lamentele che dicono risuonano profondamente con un leader cinese che ha accusato Washington di aver tentato costruire gruppi per ferire la Cina. Ma la gente ha detto che Putin aveva lasciato fuori questione i suoi piani per l’Ucraina.

I due leader hanno quindi rilasciato una straordinaria dichiarazione congiunta che ha portato le relazioni sino-russe al punto più vicino dai primi anni della Guerra Fredda dopo la seconda guerra mondiale. Ha presentato un fronte unito contro l’Occidente guidato dagli Stati Uniti e la sua dichiarazione non ha menzionato l’Ucraina. Dopo che Putin se ne è andato, i massimi leader cinesi si sono incontrati a porte chiuse per giorni nel tentativo di raccogliere una risposta all’escalation della crisi ucraina.

Negli ultimi giorni, la reazione di Pechino ha oscillato tra un’opposizione più esplicita all’invasione e l’offerta di supporto morale alle preoccupazioni di sicurezza di Mosca, mentre continua a incolpare gli Stati Uniti ei loro alleati per le esagerate minacce provenienti dalla Russia.

“In questo momento, la strategia è ‘tutti chiacchiere, poca azione'”, ha affermato un confidente dell’establishment della politica estera di Pechino. “Pechino ha compiuto alcuni passi modesti per aiutare la Russia. Giovedì ha revocato le restrizioni decennale sul grano russo importazioni.

L’attacco della Russia all’Ucraina

scrivere a Lingling Wei a lingling.wei@wsj.com

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8