L’Italia è tutta pizza e gelato. Perché la città vuole vietarli dopo la mezzanotte? – Primo post

Le gelaterie di Milano sono considerate le migliori al mondo. Pixel/immagine rappresentativa

Per gli italiani la vita è un po’ più dolce con il gelato.

Milioni di visitatori ogni anno nel paese europeo considerano il gelato un must.

Ma questa usanza di lunga data potrebbe finire con una nuova regola, e prima di quanto pensi.

Milano vieterà il gelato dopo mezzanotte, quasi un decennio dopo che i locali infuriati hanno respinto un’iniziativa simile.

E non è solo il gelato a sparire dopo la mezzanotte, ma anche tutto il cibo da asporto.

Ciao.

Divieto

La vendita di cibi e bevande da asporto sarà vietata dopo la mezzanotte per mantenere la “tranquillità” in 12 quartieri più frequentati della città, secondo quanto recentemente annunciato dall'assessore alla Sicurezza Marco Granelli.

Agli esercizi commerciali sarà vietato servire cibi e bevande tra le 00:30 e le 6:00 nei giorni feriali e tra l'1:30 e le 6:00 nei fine settimana.

I 12 quartieri della città in cui si prevede che le nuove regole verranno implementate includono Brera, il quartiere artistico della città, e Garibaldi, famoso per i suoi centri commerciali di fascia alta.

Alcuni degli altri quartieri sono Nolo, Lazzaretto, Melso, Isola, Sarbi, Cesariano, Argo della Pace, Corso Como-Ca' Aulenti, Ticino e Tarsena-Navigli.

Se approvata, la repressione inizierà all’inizio del mese prossimo e continuerà fino a novembre, quando terminerà la stagione dei viaggi di quest’anno.
I residenti hanno tempo fino alla prossima settimana per esprimere le loro opinioni sul nuovo piano prima che venga deciso il futuro a lungo termine del gelato notturno.

Il motivo dietro a ciò

Marco Granelli ha affermato che il divieto è necessario per far fronte al rumore eccessivo nelle zone residenziali.

READ  Gli uomini norvegesi si qualificano per Pechino 2022, mentre l'Italia avanza ai playoff in OQE

“Il nostro obiettivo è trovare un equilibrio tra socialità e svago e pace e salute dei residenti”, ha scritto sui social media, “Crediamo in una città vivibile dove giovani e anziani possano condividere insieme”.

“Una parte significativa della popolazione si lamenta del rumore eccessivo”, ha detto il mese scorso il sindaco Giuseppe Sala. Novità sull'Euro.

“Nel mio ruolo devo ascoltare tutti i cittadini, compresi quelli che devono lavorare e vogliono fare i propri affari”, ha aggiunto Salah.

“Devo risolvere questo problema, non è un'opzione, ma molte persone ne hanno bisogno. Non stiamo cambiando le leggi dell'universo, ma stiamo introducendo piccoli limiti, quindi andiamo avanti.

Revisione

Le gelaterie di Milano sono considerate le migliori al mondo.

Il divieto dovrebbe essere revocato, secondo i critici che affermano che viola la cultura italiana.

Secondo Luca Finardi, direttore generale del Mandarin Oriental Hotel della città, gli italiani hanno una disputa emotiva su quale gelateria sia la migliore della città. “Ognuno di noi ha persone che amiamo teneramente”, ha detto CNN.

Altri ancora credono che Glamtown stia andando troppo oltre.

Il presidente della Fipe, l'associazione degli operatori pubblici e turistici italiani, ha dichiarato al quotidiano Il Messaggero che “c'è un problema di vita notturna, ma questa norma creerà solo danni alle imprese”.

Secondo Marco Barbieri, segretario generale di Confcommercio sezione di Milano, l'associazione italiana dei commercianti al dettaglio, il divieto è stato definito “contro il buon senso”. CNN. “Se una famiglia italiana esce a mangiare una pizza e vuole fare una passeggiata e mangiare un gelato, secondo questa legge verrà multata”, dice.

A Milano Confcommercio rappresenta 10mila ristoranti, pub, pizzerie e gelaterie. Secondo Barbieri, l'80% di questi si trova nelle zone interessate dalla proposta di legge. telegramma.

Pur riconoscendo che il rumore disturba alcuni vicini, afferma che esiste il potenziale per un compromesso, come ad esempio estendere gli orari dei parchi e di altre aree.

READ  Lo Sporting ha pareggiato 1-1 con l'Italia contro l'Atalanta

Egli ha detto CNN“Ci sono molte zone a Milano adatte alla 'movinda' che non disturbano i residenti, dovrebbero aprire più tardi e non chiudere prima”.

Secondo Barbieri fermare le vendite a mezzanotte sarebbe troppo presto. Dice che, soprattutto d'estate, la maggior parte dei giovani milanesi non prenderebbe in considerazione l'idea di uscire a cena dopo le 22.00.

Barbieri ritiene che la nuova idea avrà successo, ma spera che passi in forma modificata. “Speriamo che gelato, acqua e pizza vengano rimossi dalla lista. Rinuncia all’astinenza, ma fallo la sera”, dice.

Un tentativo fallito in passato

Il sindaco Giuliano Pisapia è stato costretto a ritirare piani simili nel 2013, in seguito alle proteste che i media italiani hanno soprannominato la “Battaglia dei Coni”. Ciò include il movimento sit-in “Gelato Occupy”.

Secondo L'indipendenteUn gruppo infuriato di venditori di gelati si è radunato davanti al municipio della città per chiedere il ritiro del provvedimento.

Dopo aver proposto una modifica alla legge, Giuliano Pisapia ha affermato che la formulazione dell'ordinanza non è corretta e non intende vietare la vendita di gelati o di qualsiasi altro alimento o bevanda durante la notte.

Poi ha detto: “Se c’è un errore da parte nostra, è già stato corretto. “I milanesi e i non milanesi possono mangiare il gelato giorno e notte dove vogliono.”

“Forse c'è un errore nell'interpretazione delle regole o c'è un errore nel modo in cui le cose sono scritte.”

Non è dato sapere se anche questa volta ci sarà lo stesso respingimento.

Misure per migliorare la vita degli italiani

I consiglieri comunali di Roma stanno valutando misure per limitare la vendita di alcolici, frenare gli schiamazzi notturni e ridurre la quantità di spazzatura raccolta ogni mattina in strade come Trastevere, le zone popolari della vita notturna della città. .

READ  40 La migliore poltrona letto del 2022 - Non acquistare una poltrona letto finché non leggi QUESTO!

“Se fossi io al comando, vieterei la vendita di alcolici da asporto in tutto il centro”, ha detto al quotidiano italiano Lorenza Bonacarzi, responsabile del Comune di Roma I. messaggero.

Secondo telegramma“Dobbiamo fermare questa situazione perché sta andando fuori controllo”, ha detto Viviana di Capua, presidente dell'Associazione dei cittadini del centro di Roma.

Nel tentativo di migliorare la qualità della vita della gente del posto, Firenze lo scorso anno ha bandito nuovi affitti a breve termine su siti web come Airbnb nel suo centro storico.

Secondo L'indipendenteApprovato dal Comune della Toscana, il regolamento prevede affitti brevi con agevolazioni fiscali di tre anni se i proprietari passano ad un contratto di locazione regolare.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha affermato che la città ha scelto di intraprendere un'azione locale a causa dei deludenti piani del governo di regolamentare il settore.

con input da parte delle agenzie

Trovaci su YouTube

Registrati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto