Settembre 27, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ministero degli Esteri: la diplomazia Mosca-Ucraina era una "scusa"

Ministero degli Esteri: la diplomazia Mosca-Ucraina era una “scusa”

Ma tali discorsi non sono mai stati presentati alla Russia come un’offerta diplomatica ufficiale.

Ha detto Charles A. Kupchan, che è stato direttore per l’Europa del Consiglio di sicurezza nazionale alla Casa Bianca di Obama, ha affermato che la risposta muta di Putin a tali discorsi suggerisce che proposte più esplicite per tenere l’Ucraina fuori dalla NATO sarebbero inutili.

Il linguaggio del corpo di Washington, Kiev e di ogni capitale europea era sufficiente per fornire spazio commerciale, se lo avesse voluto? Sì. Ma sembrava che non se ne accorgesse”, ha detto il signor Kupchan.

“Penso che all’inizio degli anni ’90, l’establishment della politica estera americana respinse facilmente le obiezioni russe all’espansione della NATO”, ha aggiunto. Detto questo, quando ho ritrattato gli eventi degli ultimi due mesi, la prospettiva che l’Ucraina aderisca alla NATO mi sembra più una cortina di fumo che il nocciolo della questione” al sig. Putin.

La Russia ha avanzato richieste impossibili fin dall’inizio, ma l’illusione della diplomazia ha lanciato un dibattito politico in Occidente che ha servito il signor Weiss, Andrew S. Weiss, capo del programma Russia ed Eurasia presso il Carnegie Endowment for International Peace. Roba di Putin. Ha detto che Mosca si è “abbastanza abilmente concentrata sulle vecchie lamentele sull’idoneità teorica dell’Ucraina all’adesione alla NATO, sapendo benissimo che questo problema eccita molte persone in Occidente”.

Weiss ha affermato che gli Stati Uniti si sono impegnati in “un dibattito accademico senza senso e prevedibile con noi stessi sul fatto che le politiche delle precedenti amministrazioni fossero inutilmente provocatorie nei confronti del Cremlino”. Ha aggiunto che questo dibattito ha giocato a favore di “isolazionisti come l’ex presidente Trump che affermano che le alleanze americane sono un peso non necessario e che gli americani farebbero meglio a difendere il confine con il Messico”.

“In Europa, dove l’antiamericanismo e la stanchezza dell’Ucraina erano appena sotto la superficie, la manovra diplomatica di Potemkin al Cremlino ha dato i suoi frutti”, ha detto Weiss.

Cory Schack, direttore degli studi di politica estera e di difesa presso l’American Enterprise Institute, ha affermato che era difficile dire se Putin prendesse sul serio la diplomazia. Ma, ha detto, avrebbe potuto aspettarsi che l’invasione dividesse l’Occidente e gli ottenesse alcune concessioni. “Avendo sottovalutato la solitudine occidentale, probabilmente si sentiva intrappolato e non poteva trattenersi e non aveva nulla da mostrare per questo”, ha detto.

READ  L'Ucraina cerca un "cessate il fuoco immediato" e il ritiro della Russia nei primi colloqui diretti durante l'invasione in corso di Putin