Novembre 27, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sei paesi hanno ‘fatto molto profitto’ dall’Italia: McKinley

Postato su:

Parigi (AFP) – Il Campionato Sei Nazioni ha “molto profitto” dal coinvolgimento dell’Italia, nonostante il “fine settimana difficile” con la partita di domenica contro l’Irlanda a Dublino, ha detto all’AFP il loro ex mediano d’apertura Ian McKinley.

Gli italiani affrontano l’Irlanda, che ha vinto nove delle ultime 10 prove, di cui 34 sconfitte consecutive a sei nazioni e una straordinaria vittoria sulla Nuova Zelanda lo scorso novembre.

L’Italia ha iniziato il campionato con una sconfitta per 37-10 in Francia, poi una settimana dopo una sconfitta per 33-0 in casa in Inghilterra.

McKinley, 32 anni, è ben consapevole degli alti e bassi del rugby italiano e ha avuto una rinascita nella sua vita lì dopo aver perso la vista dell’occhio sinistro mentre giocava in Irlanda.

Armato di occhiali speciali, l’ex nazionale under 20 del Leinster e dell’Irlanda è stato convocato nove volte dall’Italia, che si è qualificata secondo le regole della residenza.

“Gli appelli per le escursioni e le espulsioni sono validi agli occhi dei tifosi di rugby”, ha detto al telefono all’AFP dalla sua casa in Irlanda del Nord.

“Sedersi in una partita dell’Inghilterra non va bene per un tifoso di rugby.

“Tuttavia, la Georgia (considerata una valida alternativa) ha recentemente pareggiato con il Portogallo.

“Purtroppo quando vieni contro Canada e Stati Uniti, l’Italia soffre perché sei in questa specie di via di mezzo che sei leggermente migliore di loro.

“Ma poi spostati di una categoria verso l’alto. Purtroppo c’è una differenza tra il paese d’origine dell’Italia e la Francia”.

McKinley afferma che l’Italia ha ancora tempo per dimostrare di essere idonea a rimanere nei sei paesi.

READ  40 La migliore cheratina capelli prodotti del 2022 - Non acquistare una cheratina capelli prodotti finché non leggi QUESTO!

“Sono stati rinchiusi su base contrattuale, non so da quanti anni, quindi le cose non cambieranno immediatamente”, ha detto.

“I loro progressi potrebbero ruotare attorno a ciò che il rugby mondiale può fare per renderli più competitivi.

“Egoisticamente penso che ci siano molti vantaggi nell’avere l’Italia in sei paesi perché ci vivevo e sapevo cosa stava succedendo lì.

“Tuttavia, se i risultati non vengono bene, quella conversazione sull’argomento diventa molto difficile”.

‘Molto dannatamente buono’

McKinley scherza sul fatto che la gente potrebbe pensare che sia una scappatoia, ma alcuni “sfuggono alla rete” come “giocatori davvero bravi”.

“C’è luce lì dentro. Le cose stanno andando bene per i minori di 18 anni in quel modo”, ha detto.

“Negli ultimi anni hanno costantemente battuto Irlanda, Inghilterra e Scozia.

“Per l’Under 20 è una grande cosa battere l’Inghilterra (6-0 all’inizio di questo mese). Immagina se sarebbero felici se la Georgia o il Portogallo lo facessero”.

McKinley, tuttavia, dice che il problema arriva quando devono passare alla squadra maggiore.

Il mediano d'apertura italiano Pavlo Karpici (R) è un esempio di squadra senior per giovani talenti, ma l'ex mediano d'apertura Ian McKinley ha riscontrato molte differenze tra gli under 20 dell'AFP e la squadra senior.
Il mediano d’apertura italiano Pavlo Karpici (R) è un esempio di squadra senior per giovani talenti, ma l’ex mediano d’apertura Ian McKinley ha riscontrato molte differenze tra gli under 20 dell’AFP e la squadra senior. Filippo Monteford AFP

“Sono giocatori di talento, ma c’è una grande differenza nel passare al livello Test rispetto a quelli sotto i 20 anni, i giocatori sono più in forma fisicamente.

“Non c’è mai stato un secondo team Benetton o Zebra per colmare il vuoto di talento.

“Confronta gli standard di età del Leinster. Se non hai un talento eccezionale, non andresti direttamente nella prima squadra del Leinster.

READ  Qatar Airways Holidays presenta gli ultimi pacchetti vacanza in Italia

“Invece Bridges, Club Rugby e Leinster hanno una seconda squadra, quindi sei pronto per la prima squadra.

“L’Italia ha un divario e nessun ponte, quindi un 19enne troverebbe molto difficile entrare nel rugby senior”.

McKinley crede che l’Italia sia in buone mani sotto la guida dell’allenatore Kieran Crowley, che ha giocato per lui al Bennett.

“Kieran è molto simile a molti allenatori in Nuova Zelanda”, ha aggiunto.

“Successo, fallimento, pareggio, lui lo vede uguale, rilassato, il suo comportamento non cambia.

“Non gli sono stati concessi due turni facili e gli infortuni sono stati difficili questo fine settimana”.