Tyrell Hatton corona un sogno e vince a Wentworth


Una settimana perfetta quella di Tyrrell Hatton. Il britannico si appresta a festeggiare nel migliore dei modi il suo ventinovesimo compleanno (che cadrà mercoledì), dopo aver conquistato oggi con pieno merito il BMW PGA Championship 2020, uno degli eventi più iconici e prestigiosi del calendario dello European Tour di golf. Hatton partiva dalla perfetta posizione di leader questa mattina, ma non si è lasciato sopraffare dalla tensione e ha portato a termine il proprio lavoro, registrando la quinta vittoria in carriera (tra le quali spicca anche un Italian Open, nel 2017) e di gran lunga quella più importante.


L’inglese si è servito di un super 67 (-5) oggi per tenere a distanza la concorrenza e aggiudicarsi il torneo sullo storico campo del Wentworth Golf Club. Con il punteggio conclusivo di -18 infatti sono ben tre le lunghezze finali di vantaggio sul francese Victor Perez, unico avversario capace di accennare una timida battaglia nelle ultime fasi odierne. I due bogey alla 13 e soprattutto al par 5 della 17 hanno definitivamente spento ogni possibilità per il transalpino, comunque soddisfatto di un buon secondo posto a -15.

Renato Paratore, con un'ottima prestazione sottolineata da una decisa rimonta, ha ottenuto un bel settimo posto con 277 (73 69 68 67, -11) nel BMW PGA Championship, uno dei tornei più prestigiosi dell'European Tour, terzo evento stagionale delle Rolex Series e ritenuto una sorta di quinto major, disputato al Wentworth Golf Club (par 72) di Virginia Water in Inghilterra. Ha dominato con 269 (66 67 69 67, -19) l'inglese Tyrrell Hatton, 28enne di High Wycombe, al terzo successo consecutivo in un evento delle Rolex Series e al quinto titolo sul circuito. Partito per il turno conclusivo con tre colpi di margine sul francese Victor Perez e sul danese Joachim B. Hansen, non ha fatto calcoli e ha tenuto alti i ritmi, realizzando un 67 (-5. sei birdie, un bogey) e aumentando di un colpo il vantaggio sul transalpino, secondo con 273 (-15), che era comunque riuscito a ridurre il ritardo a una lunghezza alla buca 12, prima di cedere nel finale. Quasi subito fuori gioco, invece Hansen, poi settimo.

Altri quattro inglesi nelle prime nove posizioni: Andy Sullivan, terzo con 274 (-14), autore di un 65 (-7) miglior score di giornata, affiancato dallo statunitense Patrick Reed, numero nove mondiale, quindi Ian Poulter (275, -13), Eddie Pepperell (276, -12) e Matthew Fitzpatrick, stessa posizione di Paratore e Hansen.