Hubble celebra il suo 34° anniversario con una vista mozzafiato della Nebulosa Piccolo Manubrio

Gli astronomi hanno celebrato il 34° anniversario del telescopio spaziale Hubble scattando un'immagine della Nebulosa Piccolo Manubrio, a 3.400 anni luce di distanza. Hubble ha eseguito 1,6 milioni di osservazioni e ha contribuito a oltre 44.000 articoli scientifici. Le sue scoperte continuano ad espandere la nostra comprensione dell'universo, integrate dal telescopio spaziale James Webb. Credito immagine: NASA, ESA, STScI, A. Pagan (STScI)

Una bolla dipolare luminosa proveniente da una stella morente si espande nello spazio

Celebrando il 34° anniversario del suo lancio NASALeggendario Telescopio spaziale Hubble Il 24 aprile 1990, gli astronomi catturarono un'istantanea della Nebulosa Piccolo Manubrio. Conosciuto anche come Messier 76, M76 o NGC 650/651, è costituito da un anello, visto dal bordo come struttura della barra centrale, e due lobi su ciascuna delle aperture dell'anello.

Prima che la stella gigante rossa bruciasse, emise un anello di gas e polvere. L'anello potrebbe essere stato scolpito dagli effetti di una stella compagna binaria. Questo materiale in caduta creò uno spesso disco di polvere e gas lungo il piano dell'orbita della compagna. L'ipotetica stella compagna non è stata vista nell'immagine di Hubble, quindi è possibile che la stella centrale sia stata successivamente inghiottita. Il disco sarebbe una prova forense di cannibalismo astrale.

La nebulosa fotonica è uno degli obiettivi preferiti degli astrofili. Gli astronomi professionisti misurarono per la prima volta lo spettro nel 1891, indicando che si trattava di una nebulosa piuttosto che di una galassia o di un ammasso stellare. Hanno suggerito che M76 potrebbe essere simile alla Nebulosa Anello a forma di ciambella (M57), vista di lato.

Per più di tre decenni, il telescopio spaziale Hubble della NASA e dell'ESA ha rivoluzionato l'astronomia moderna, non solo per gli astronomi ma anche portando il pubblico in un affascinante viaggio di esplorazione e scoperta. Ogni anno Hubble dedica una piccola parte del suo prezioso tempo di osservazione per catturare un'immagine speciale dell'anniversario, mostrando oggetti particolarmente belli e significativi. Il 34° anniversario del lancio di Hubble viene commemorato con uno scatto della Nebulosa Piccolo Manubrio. Credito immagine: NASA, ESA, STScI, A. Pagan (STScI), N. Bartmann (ESA/Hubble)

Hubble celebra il 34° anniversario con uno sguardo alla Nebulosa Piccolo Manubrio

Per celebrare il 34° anniversario del lancio della NASA e del leggendario telescopio spaziale Hubble dell'Agenzia spaziale europea, il 24 aprile, gli astronomi hanno catturato un'istantanea della piccola nebulosa Dumbbell (conosciuta anche come Messier 76, M76 o NGC 650/651) con 3.400 punti luce lontano. Anni nella costellazione artica della Gallia. La nebulosa fotonica è uno degli obiettivi preferiti degli astrofili.

READ  Scoprire la gravità quantistica - Gli scienziati decifrano il codice cosmico che lasciava perplesso Einstein

Classificata come nebulosa planetaria, M76 è un guscio in espansione di gas incandescente espulso da una stella gigante rossa morente. Alla fine la stella collassa diventando molto densa e calda Nana bianca. Le nebulose planetarie non hanno nulla a che fare con i pianeti, ma hanno questo nome perché gli astronomi del XVIII secolo, utilizzando telescopi a bassa potenza, pensavano che questo tipo di oggetto somigliasse a un pianeta.

L'M76 è costituito da un anello, visto dal bordo come struttura della fascia centrale, e due lobi su ciascuna apertura dell'anello. Prima che la stella bruci, emette un anello di gas e polvere. L'anello è stato probabilmente scolpito dagli effetti di una stella che in precedenza era accompagnata da una stella binaria. Questo materiale in caduta creò uno spesso disco di polvere e gas lungo il piano dell'orbita della compagna. L'ipotetica stella compagna non è stata vista nell'immagine di Hubble, quindi è possibile che la stella centrale sia stata successivamente inghiottita. Il disco sarebbe una prova forense di cannibalismo astrale.

La Nebulosa Piccolo Manubrio (M76) è annotata

Nel suo 34° anniversario, il telescopio Hubble ha catturato un'immagine della Nebulosa Piccolo Manubrio, dimostrando il suo ruolo continuo nelle scoperte cosmiche e nella ricerca astronomica. Credito immagine: NASA, ESA, STScI, A. Pagan (STScI)

La stella primaria collassa per formare una nana bianca. È uno dei resti stellari più caldi conosciuti, con temperature che raggiungono i 120.000 gradi Celsius. Centigrado24 volte la temperatura superficiale del nostro sole. La nana bianca sfrecciante può essere vista come un minuscolo punto al centro della nebulosa. La stella visibile nella proiezione sottostante non fa parte della nebulosa.

Due lobi di gas caldo fuoriescono dalla parte superiore e inferiore della cintura, confinati nel disco, lungo l'asse di rotazione della stella perpendicolare al disco. Sono spinti da un flusso di materiale simile a un tornado proveniente dalla stella morente, che attraversa lo spazio a due milioni di miglia all'ora. È abbastanza veloce da viaggiare dalla Terra alla Luna in poco più di sette minuti! Questi abbondanti “venti stellari” confluiscono in gas più freddo e lento, che fu espulso all'inizio della vita della stella, quando era una gigante rossa. L'intensa radiazione ultravioletta proveniente dalla stella estremamente calda fa brillare i gas. Il rosso proviene dall'azoto, il blu dall'ossigeno.

READ  Mercoledì missione Starlink dalla Florida

Dato che il nostro sistema solare ha 4,6 miliardi di anni, l’intera nebulosa è un fuoco di paglia per quanto riguarda il cronometraggio cosmico. Scomparirà tra circa 15.000 anni.

Hubble batte i record nella produzione scientifica

Dal suo lancio nel 1990, Hubble ha effettuato 1,6 milioni di osservazioni di oltre 53.000 oggetti astronomici. Finora, Archivio Mikulski dei telescopi spaziali Lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, contiene 184 terabyte di dati elaborati pronti per l'uso scientifico da parte degli astronomi di tutto il mondo per l'utilizzo nella ricerca e nell'analisi. Lo European Public Data Mirror è ospitato presso il Centro europeo di astronomia spaziale (ESAC) dell'Agenzia spaziale europea Archivio scientifico del telescopio spaziale europeo Hubble (eHST)..

Dal 1990 sono stati pubblicati 44.000 articoli scientifici basati sulle osservazioni di Hubble. Ciò include un record di 1.056 articoli pubblicati nel 2023, di cui 409 condotti da autori negli Stati membri dell’ESA. La domanda per l'utilizzo di Hubble è così elevata che attualmente è superata di un fattore sei.

Durante lo scorso anno di operazioni scientifiche, le nuove scoperte fatte con Hubble includono la ricerca di acqua nell’atmosfera più piccola Pianeta extrasolare Finora, abbiamo rilevato una strana esplosione cosmica ben oltre qualsiasi galassia ospite, seguendo i raggi sugli anelli di Saturno e trovando la sede inaspettata del lampo radio veloce più lontano e potente mai visto fino ad oggi. Gli studi di Hubble sull'asteroide Demorphos, che è stato l'obiettivo di una collisione deliberata da parte di una navicella spaziale della NASA nel settembre 2022 per cambiarne la traiettoria, sono continuati, con la scoperta di rocce rilasciate dall'impatto.

READ  Fermi della NASA non vede alcun raggio gamma dalla vicina supernova

Questo video accompagna lo spettatore in un viaggio verso l'immagine del 34° anniversario del lancio del leggendario telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA: la piccola nebulosa Dumbbell (nota anche come Messier 76, M76 o NGC 650/651). L'oggetto si trova a 3.400 anni luce di distanza nella costellazione polare nord del Perseo. La nebulosa fotonica è uno degli obiettivi preferiti degli astrofili. Fonte: NASA, ESA, STScI, A. Pagan (STScI), Ringraziamenti: D. Crowson, A. Fujii, Digital Sky Survey

Hubble continua inoltre a fornire immagini straordinarie di obiettivi celesti tra cui galassie a spirale, ammassi globulari e nebulose di formazione stellare. La stella appena formata fu la fonte di A Spettacolo di luci cosmiche. Le immagini di Hubble sono state anche combinate con le osservazioni a infrarossi del telescopio spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA per creare una delle viste più complete dell'universo mai viste, un'immagine dell'ammasso di galassie MACS 0416.

La maggior parte delle scoperte di Hubble non erano previste prima del lancio, come i buchi neri supermassicci, le atmosfere esoplanetarie, la lente gravitazionale della materia oscura, la presenza di energia oscura e la frequente formazione di pianeti interstellari. Hubble continuerà la ricerca in queste aree, oltre a sfruttare la sua potenza ultravioletta unica per studiare fenomeni come i fenomeni del sistema solare, le esplosioni di supernova, la composizione delle atmosfere esoplanetarie e l'emissione dinamica delle galassie. Le indagini di Hubble continuano a beneficiare di una lunga serie di osservazioni di oggetti del sistema solare, fenomeni di stelle variabili e altri aspetti astrofisici esotici dell'universo.

Le caratteristiche prestazionali del telescopio spaziale James Webb sono progettate per integrare in modo univoco, e non sostituire, il telescopio Hubble. La futura ricerca di Hubble trarrà vantaggio anche dall’opportunità di sinergizzare con Webb, che osserva l’universo nella luce infrarossa. Combinata, la copertura di lunghezze d’onda complementari dei due telescopi spaziali espande la ricerca innovativa in aree quali i dischi protostellari, la formazione di esopianeti, le supernove insolite, i nuclei galattici e la chimica dell’universo lontano.

Il telescopio spaziale Hubble è in funzione da più di tre decenni e continua a fare scoperte rivoluzionarie che modellano la nostra comprensione fondamentale dell’universo.

Hubble è un progetto di cooperazione internazionale tra la NASA e l'Agenzia spaziale europea (ESA).Agenzia spaziale europea). Il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, gestisce il telescopio e le operazioni di missione. Lockheed Martin Space, con sede a Denver, in Colorado, supporta anche le operazioni di missione a Goddard. Lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, gestito dall'Associazione delle università per la ricerca in astronomia, conduce operazioni scientifiche con Hubble per la NASA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto