• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

© 2020 golfmag.it Tutti i diritti riservati

Jordan Spieth: il duro lavoro ripaga sempre, sono quasi tornato al mio meglio


Il tre volte campione major è fiducioso di essere sulla buona strada per tornare uno dei giocatori più forti al mondo

Il venticinquenne era in cima al mondo nel 2015 quando ha vinto due major, è stato incoronato campione della FedEx Cup e nominato PGA Tour Player of the Year.


Spieth ha anche vinto l'Open nel 2017, ma una rapida occhiata alle sue statistiche mostra che è caduto praticamente in tutte le principali categorie negli ultimi anni, portandolo a un crollo sempre più prolungato.


Al PGA Championship di domenica, tuttavia, Spieth ha raggiunto il suo primo piazzamento nella top-10 dall'Open Championship dello scorso anno, finendo terzo, a sei colpi dietro al vincitore Brooks Koepka.


Spieth era al 39 ° posto nel World Ranking prima del PGA, ma con questa prestazione è migliorato fino al 30esimo, e si sente vicino alla forma che lo ha visto dominare la scena del golf qualche anno fa.


"Ho piena fiducia nel mio team. Ho piena fiducia dei miei progressi, nella mia mentalità, nel mio egoismo e nella mia etica del lavoro ", ha affermato.

"Mi sono allenato più ore negli ultimi cinque mesi di quanto non abbia mai messo nel mio gioco in cinque mesi, avevo l'obbiettivo di arrivare più in alto possibile in classifica questa settimana."

Spieth ha anche detto che era difficile affrontare, a livello psicologico, il fatto che probabilmente non c'erano possibilità di vincere il PGA Championship dato il grande vantaggio di Koepka.


"Sapevo che era improbabile in questo campo avere la possibilità di vincere", ha aggiunto.


"È un sentimento umiliante per me, ma sapevo che se avessi giocato nel modo giusto, con la giusta mentalità, avrei potuto finalmente fare una buona prestazione e così è stato e ora devo ripartire da qui."