• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

© 2020 golfmag.it Tutti i diritti riservati

Tiger Woods salta la sessione con i media dopo una giornata da dimenticare sui green


Era un Tiger molto arrabbiato e con poca voglia di parlare quello dopo il 4 round al WGC Mexico, nonostante il 10esimo posto in classifica


Per il secondo giorno di fila, Tiger Woods era palesemente irritato con se stesso per non aver giocato bene sui green nonostante un gioco lungo molto buono.


E per il secondo giorno di fila, Woods non ha voluto rilasciare dichiarazioni a riguardo.

Questa decisione avviene spesso sul Tour, i giocatori si giocano tanto e dopo un brutto round non si è sempre del giusto umore, ma Tiger ha sempre abituato i giornalisti a commentare le sue prestazioni sia con belle che con brutte prestazioni.


Woods aveva saltato solo una sessione con media la scorsa stagione ma ora sono due di seguito e questo fa capire la delusione e quale sia il suo stato d'animo.


Un giro finale 2 sotto il par con un totale di 69 colpi che avrebbe soddisfatto tutti ma non Woods che essendo tornato competitivo e alla vittoria al Tour Championship vuole sempre vincere e far vedere di essere ancora in grado di stupire tutti.


Prima di andare sono state però riportate delle dichiarazioni di Woods, molto infastidito e arrabbiato: " Non ho giocato bene, niente è andato come previsto ma migliorerò e sarò pronto per Bay Hills" ha detto Woods poi alla fine.


Woods era troppo indietro per vincere, Johnson e Mcilroy erano troppo lontano. Ma con -8 Woods (13 colpi dietro a Johnson) poteva raggiungere le prime cinque posizioni.


Tiger ha iniziato ad arrabbiarsi alla 10, dove ha sbagliato un putt non difficile. Alla 11 ci sono stati i 3 putt, poi ha sbagliato alla 12 per poi comunque fare un ultimo birdie alla 13,

Alla 14, ha sbagliato un'altro putt come al par 5 della 15.


In seguito a parlato con GOLFTV " Non so davvero cosa dire, ho giocato malissimo sui green ma almeno il gioco lungo è andato bene".

Woods ora avrà due settimane di riposo per poi tornare all'Arnold Palmer Invitational e sicuramente vedremo un Tiger diverso e speriamo di vedere anche dei putt entrare e sentire il coro "in the hole".